Motori ricerca: il tuo sito in prima pagina su Google

Visualizzazione post con etichetta Maurizio Cucchi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Maurizio Cucchi. Mostra tutti i post

martedì 7 febbraio 2012

Nuovo volto per LietoColle. Venticinque anni di poesia e oltre


LietoColle, specializzata in poesia, nata nel 1985 per volontà dell'editore Michelangelo Camelliti, rinnova il proprio sito internet www.lietocolle.com per potenziare dialogo e interazione nello spazio virtuale, favorendo l'incontro con i lettori, appassionati di poesia e i giovani aspiranti autori. In quest'ottica, promuove Lezioni di poesia, con la collaborazione di Mario Santagostini - poeta, curatore dell'antologia I Poeti di vent'anni e saggista - rubrica rivolta a chi vuole sottoporre all'attenzione i propri testi per ottenerne una utile valutazione. In linea con la tradizione della casa editrice, sempre attenta ai giovani talenti, continua ad avere una centralità particolare tiLeggiamo che offre la possibilità agli esordienti di inviare le proprie raccolte e avviare, nel caso di esito positivo, un progetto editoriale. Importante spazio viene riservato, inoltre, alle firme autorevoli del panorama culturale, poetico italiano e straniero con la nascita della rubrica Contributi, con riflessioni e approfondimenti di intellettuali, filosofi, saggisti, poeti. “Ho ritenuto necessario apportare piccole novità in armonia con la linea editoriale di LietoColle - afferma l'editore Michelangelo Camelliti - per rendere centrale la poesia, i suoi autori, le riflessioni e i validi contenuti, oltre che per favorire un modo di interagire agile e dinamico, al passo con i tempi.”
Il catalogo LietoColle, che ospita i nomi di rilievo della poesia contemporanea, da Alda Merini a Dario Bellezza, da Guido Oldani a Maurizio Cucchi, da Antonella Anedda a Ko Un, per citarne alcuni, è riorganizzato secondo una efficace ripartizione in collane: oro, blu, verde, rossa, SoloDieci, Kopi Luwak, Il Segreto delle fragole. In primo piano, infine, sono contenute le informazioni riguardanti le novità editoriali in arrivo, gli eventi di poesia, gli incontri promossi dagli autori, ma anche i bandi di concorso gratuiti a cui partecipare. Come Il segreto delle fragole - Poetico diario 2013 che in questa sua edizione propone un tema fortemente attuale: il vuoto nutrimento nell'era bulimica - La poesia in tempo di crisi. Oppure il singolare bando Letè ed Eunoè sul tema della migrazione, rivolto a tutti quegli autori di origine straniera, ma inseriti nel contesto culturale italiano, che vogliano proporre i propri versi. Non da ultimo, il sito continua a ospitare L'Ulisse, rivista di poesia, arti e scritture diretta da Alessandro Broggi, Stefano Salvi e Italo Testa, scaricabile gratuitamente, che offre preziosi contributi e approfondimenti, dibattiti, analisi e letture.
Nella nuova veste, puoi seguirci anche su Twitter e Facebook e ricevere così su smartphone e tablet tutte le informazioni sulle ultime novità editoriali, gli articoli pubblicati, i bandi e i concorsi, gli interventi dei grandi pensatori, insomma su tutta l'attualità unita all'approfondimento, per essere ancora insieme e diffondere poesia.


mercoledì 26 agosto 2009

Notizie sulla famiglia di Pietro Berra (Stampa)















Ho avuto il piacere di leggere e apprezzare l’ultimo lavoro poetico di Pietro Berra edito per i tipi di Stampa nella collana “Collana” diretta da Maurizio Cucchi, dal titolo “Notizie sulla famiglia”. Questa per l’autore comasco è la quarta raccolta dopo “Un giorno come l’ultimo”. “In viaggio per
le strade di Como e della mente” (Dialogo, 1997), “Poesie di lago e di mare” (Lietocolle, 2003) e “Poesie politiche” (Luca Pensa editore, 2005). L’opera, dove si registra l’influenza poetica di autori come Giampiero Neri e Fabio Pusterla, (divisa in tre sezioni titolate “Archivio Storico”, “Reportage da Brunate”, e “Ultima Ora”) parla di questa famiglia sullo sfondo dei primi del Novecento, e di tutta una schiera di eventi, memorie, colori, vicende che vanno a costituire una specie di album fotografico che ne costruisce la memoria. In 84 pagine viene narrato per versi un secolo dove si passa con un prosa poetica raffinata e puntuale nella visione espressa dal poeta, dal fascismo alla globalizzazione passando attraverso naunces tenui che come echi soffusi riportano alla mente le immagini della “Swinging London” quasi divenendo muti spettrali fantasmi seduti da tempo immemore sulle sedie sfatte di un cinema di provincia ora dismesso. Ma quello che più sembra rappresentare autenticamente il contenuto profondo della raccolta è il desiderio di lasciare alla poesia il compito di scorgere quel sottile filo rosso che collega ogni cosa e rende tutto più chiaro e manifesto anche agli occhi di chi non fa parte integrante dei tracciati mnemonico-biografici messi in questa sede nero su bianco. Le poesie raccolte nel volume qui presentato sono state scritte da Berra dopo la pubblicazione del libro “Poesie Politiche” risalente al 2005, e paiono seguire non solo formalmente ma anche semanticamente un sentire la poesia come impegno civile. E parliamo di un impegno civile particolare percepito dall’autore, come volontà di riscoprire l’identità dei luoghi che abbiamo abitato e vissuto e che ci hanno a loro volta abitati e vissuti, come stimolo a ripercorrere giorno per giorno le nostre storie al fine di evitare la diserzione crudele della dimenticanza, dell’immemorialità. Dunque un unico discorso poetico/politico (?) da rintracciare anche nelle precedenti produzioni liriche dove forte si avverte la continuità di una poiesi narrante storie minime di volti e luoghi che hanno comunque qualcosa di significativo per tutti, e che ancora molto possono insegnare. Scrive Maurizio Cucchi nell’introduzione: “ Come spesso accade ai veri poeti, Berra non enuncia i grandi temi – amore e strazio, morte e storia, tempo che muta il mondo –ma li introduce nei risvolti animati dei dettagli, nell’opacità sensibile delle nostre provvisorie esistenze e delle loro fasi, liete, dolorose o semplicemente indifferentichesiano”. Un libro quello di Berra che vale la pensa leggere e meditare, e che soprattutto ci ricorda , un po’ bodianamente, che la poesia può ancora dire la sua.

CIOCCOLATO

Prendeva tavolette di cioccolato
Da soldati dello stesso colore
La bambina sulla riva di Cernobbio.
Non immaginava che non fossero
Un dono del cielo, che la magnifica villa
Dove abitavano quegli angeli neri
Era stata l’ultimo rifugio
Di diavoli biondi in ritirata


in foto Franco Loi con Pietro Berra

sabato 13 giugno 2009

Il libro del giorno: Vite pulviscolari di Maurizio Cucchi, Mondadori (collana Lo specchio)

Condotta su vari temi, questa raccolta parte da un dialogo con la madre scomparsa e si conclude con la cronaca di un breve viaggio per mare, dove l'autore riflette su una sorta di strana coincidenza tra la teoria astrofisica dei buchi neri e il racconto "Una discesa nel Maelstrom" di Edgar Allan Poe. Nelle parti centrali, meditazioni liriche sugli affetti e sull'amore, sul riaffiorare di immagini dalla memoria, sulla presenza viva eppure mutata degli oggetti nel nostro tempo.

"Parte con un potente capitolo autobiografico Vite pulviscolari, la nuova raccolta di poesie di Maurizio Cucchi: la madre morta, il ricordo, lo struggimento del distacco; ma anche il rintocco cupo del nuovo disgregarsi di un'identità forse appena ricomposta in Per un secondo o un secolo (2003) sotto il segno di un'orgogliosa autoironia. Le vite pulviscolari e ignote, che fanno sentire la propria labile presenza da un passato remotissimo inopinatamente ripropostosi, si riverberano nello smarrimento definitivo di un soggetto ormai sull'orlo del Maelstrom, che dispera di potersi attribuire un valore, appunto, non pulviscolare"

di Stefano Giovanardi tratto da Almanacco dei libri de La Repubblica del 13/06/09, p. 40

casa editrice Mondadori: http://www.librimondadori.it/web/mondadori/home

Vite pulviscolari di Maurizio Cucchi
2009, 105 p., brossura, Mondadori(collana Lo specchio)

sabato 23 maggio 2009

Il libro del giorno: Credere all'invisibile di Cesare Viviani (Einaudi)

Con questa sua nuova raccolta Cesare Viviani fa un passo ulteriore nel percorso di ascolto e di meditazione che caratterizza i suoi ultimi libri. La forma è più immediata. Sono poesie brevi, con una sola voce, affabile e colloquiale anche nel proporre temi elevati, come i limiti dell'umano, la pulsione all'autenticità, il confronto con l'angoscia della fine. L'"invisibile" di Viviani non è qualche cosa di trascendente, ma è ciò che, innervato nella concretezza della natura, resta indecifrabile, incomprensibile, irriconoscibile. E dunque credere, più che l'oggettivazione di una fede, è rispettare, accettare, affidarsi alla vita. In questi versi diretti e spesso sorprendenti per clausole inattese, la via maestra è l'umiltà: rinunciare alla presunzione umana significa trovare il giusto posto di se stessi e delle cose, e sapere che tutte le esperienze, anche quelle estreme, fanno parte di un ciclo e non hanno niente di eccezionale: sono natura. Sotterranea e parallela al discorso cosmico-esistenziale, scorre una riflessione poetica in cui il medesimo atteggiamento interiore vede con distacco ogni ironia narcisistica e abilità verbale: perché un animale nel suo habitat - dicono i versi di una poesia significativamente dedicata a Mario Luzi - è più vicino all'"invisibile" di qualsiasi ambiziosa invenzione letteraria

"Credere all'invisibile (Einaudi, pp.98, euro 11) riesce a coniugare alcuni dei tratti più specifici di quei due percorsi. E'infatti, in tutta evidenza, un libro di pensiero che sboccia per frammenti di meditazione, in una lingua limpidissima, di grande eleganza ed equilibrio, e in uno stile che è il più difficile da praticare: quello della semplicità"

di Maurizio Cucchi tratto da Tuttolibri della Stampa del 23/05/09, p. V

casa editrice Einaudi: http://www.einaudi.it/

Credere all'invisibile di Viviani Cesare, 2009, 97 p., brossura
Editore Einaudi(collana Collezione di poesia)

venerdì 16 gennaio 2009

Dell'eroico furore - corso di scrittura creativa a cura di Michelangelo Zizzi

1 Cos'è un testo letterario. Cosa significa leggere. Il problema della lettura come problema ermeneutico.

2 Differenza tra poesia e prosa: tempo della prosa e della poesia, oggettività, soggettività ed intersoggettività.

3 Poesia: cenni di storia della poesia del Novecento.

4 Poesia: suono, ritmo, figura, immaginazione, polisemia.

5 Poesia: il silenzio, l'anamnesi, l'inventare, il produrre, il creare.

6 Poesia: creatività e psicodinamica. Tecniche di liberazione dell'immaginario creativo. (Laboratorio di Scrittura)

7 Narrativa: cenni di storia del romanzo del Novecento. (Laboratorio di Scrittura)

8 Narrativa: intreccio, fabula, tempo del racconto e tempo del raccontare. (Laboratorio di Scrittura)

9 Narrativa: senso e polisemia della narrazione. (Laboratorio di Scrittura)

10 Narrativa: il flusso di coscienza, la coscienza ricognitiva. Tecniche dell'abbandono. (Laboratorio di Scrittura)

11 Risultati, confronti e rapporti con editoria e pubblico.


Organizzazione temporale: il corso si articola in 11 incontri di full immersion di 3 ore ciascuno, con cadenza settimanale.






Scheda bio-bibliografica

Michelangelo Zizzi è scrittore, performer, critico letterario. È laureato in filosofia, in medicina ed è dottore di ricerca; si è occupato di narratologia, storia della letteratura moderna e contemporanea, storia della letteratura meridionale e salentina, scrittura creativa. Ha insegnato in un Liceo privato per 7 anni.

Attualmente non vincolato da alcuna amministrazione, organizza e conduce corsi di scrittura creativa in proprio e per scuole, istituti, associazioni culturali, fondazioni private e pubbliche; ed è consulente filosofico.

A livello di critica letteraria, si è finora prevalentemente occupato di letteratura poetica e narrativa dell'Otto – Novecento e in particolare di Dino Campana, Vittorio Bodini Girolamo Comi, sulle cui figure ha pubblicato svariati articoli e saggi monografici.
Tra questi ultimi:
 'Il Sud e la Luna. Per una geografia dell'immaginario in Vittorio Bodini', Levante editore, Bari, 1999.
 'Autoritratto con monade. Fenomenologia della poesia in Girolamo Comi', Multimedia Pensa, Lecce, 2000.
 'L'orfismo in Comi', Multimedia Pensa, Lecce, 2002.

Inoltre dirige la collana di teoria e critica letteraria Lo spazio letterario per l'editore Levante di Bari e la collana di Scrittura Creativa Incipio per Lupo Editore di Copertino e collabora come consulente esterno a numerose case editrici nazionali, tra le quali Mondadori.

È considerato da alcuni autori (Dario Bellezza, Maurizio Cucchi, Paolo Valesio, Leonardo Colombati, Pietrangelo Buttafuoco; quest'ultimo gli ha dedicato un'intera puntata del suo programma 'Giarabub' su La7) uno dei massimi poeti italiani. Oltre 3000 pagine web attestano la continuità del suo lavoro di scrittore, conferenziere e performer.

Tra le opere poetiche uscite in volume singolo ricordiamo:

 'La casa cantoniera' ne La collana di Maurizio Cucchi, Stampa, Varese, 2001
 'La primavera ermetica', Manni, Lecce, 2002
 'Del sangue occidentale', Lietocolle, Como, 2005.

Suoi testi in antologie poetiche sono presenti presso gli editori Guerini & Associati, Crocetti e Marcos y Marcos.

Riguardo alle pubblicazioni di critica letteraria apparse in volume collettivi o riviste, conta circa 35 articoli specifici, nonché 7 prefazioni a volumi di narrativa e poesia.

E' collaboratore di riviste nazionali ed internazionali: Nuovi Argomenti (Mondadori), L'Immaginazione (Manni editore), YIP (Yale University), Gradiva (New York University), Poesia (Crocetti), Atelier, ecc.

In uscita nei prossimi mesi il suo primo romanzo 'La perenne ed improbabile storia di Giovanni Attanasio e del suo vascello di polistirolo' (del quale sono uscite anticipazioni su 'Il Riformista', 'Il Giornale' e su 'Nuovi Argomenti'; il romanzo è considerato da alcuni critici, come nel caso di Luigi Mascheroni ne 'Il Domenicale' del 21 aprile 2007, una vera opera rivelazione).
Ha pubblicato con eteronimi romanzi noir e fantasy.
In uscita per novembre (presso Lupo Editore) 'Teoria della Scrittura Creativa', saggio di fenomenologia e prassi della letteratura.

nella foto Michelangelo Zizzi e Diana di Lietocolle