Visualizzazione post con etichetta Il bel tempo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Il bel tempo. Mostra tutti i post

martedì 4 ottobre 2011

Il libro del giorno: Il bel tempo di Joe Matt (Coconino – Fandango)





















Due ragazzini e la loro amicizia. Le corse in bicicletta, i bulli da schivare, i primi turbamenti e la scoperta dell'eros. In un quartiere di periferia, in un'infinita estate americana. Joe Matt, esponente di punta del fumetto autobiografico statunitense e canadese, torna in questo graphic novel alla sua infanzia negli anni '70. Un'infanzia non idealizzata, narrata senza nostalgie né sentimentalismi anche nelle sue piccole crudeltà, ma proprio per questo più emozionante e vera. Il piccolo Joe si affida all'amico Dave per difendersi da un prepotente che lo vuole picchiare: ma è a sua volta egoista e spietato con i bambini più deboli. Tra piccoli furti nei negozi, le liti con i genitori, la nascita della passione per i fumetti, si snoda un romanzo di formazione che è il ritratto sincero di una stagione della vita. Dopo aver raccontato in “Poor bastard” i suoi fallimenti da adulto e la sua ossessione per la pornografia, Joe Matt torna alle radici e continua a mettersi in scena senza sconti. Sulla scia dei suoi maestri dichiarati, Robert Crumb, Harvey Pekar, Art Spiegelman, e degli amici e colleghi fumettisti canadesi Seth e Chester Brown: i grandi autori dell'autobiografia a fumetti. Un filone narrativo sempre più fertile e di successo in Nordamerica, dove Matt è un autore di culto e  con il suo comic book Peepshow gode di un vasto e fedele seguito di appassionati lettori.

Joe Matt è nato nel 1963 a Philadelphia, dove si è diplomato in arte. Ha vissuto a lungo a Toronto. Nel 1987 comincia a tenere un “diario a fumetti”, pubblicato nel 1992 dalla Kitchen Sink Press col titolo di “Peepshow: the Cartoon Diary of Joe Matt”. Il volume “Poor Bastard”, pubblicato da Drawn & Quarterly e in Italia da Coconino Press, comprende i primi sei numeri della seconda serie di Peepshow. Sempre nel 2002 la Drawn & Quarterly ha pubblicato “Fair Weather”.

Donate