Visualizzazione post con etichetta Corriere del Mezzogiorno. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Corriere del Mezzogiorno. Mostra tutti i post

mercoledì 10 giugno 2009

Il libro del giorno: Sé-pararsi. Una breve guida al distacco affettivo, di Luigi De Maio (Liguori editore)

Prima di partire per un viaggio, lungo o breve che sia, sentiamo il bisogno di salutare, cioè di conservare per il nostro bene il pensiero delle cose o delle persone dalle quali stiamo allontanandoci o ci stiamo separando: un pensiero che deve "fare salute", deve far star bene sia noi sia la persona a cui lo rivolgiamo. In fondo, il desiderio di poter andar via senza la "colpa di separazione", senza il ricatto del dolore subito o provocato, è una molla potente che influisce su nostri stati d'animo "dopo" una separazione, un distacco, un addio.

"Sta molto cambiando la psicologia della coppia in Italia e nel Sud. E' quanto si può cogliere, più omeno direttamente, dal libro Sé-pararsi dello psicologo napoletano Luigi De Maio. Un libro sul distacco affettivo in generale che è rivelatore soprattutto dicerti mutamenti in atto nelle relazioni tra uomo e donna"

di Felice Blasi, tratto da Il Corriere del Mezzogiorno del 10/06/09, p. 20

casa editrice Liguori: http://www.liguori.it/default.asp

Sé-pararsi. Una breve guida al distacco affettivo, di Luigi De Maio, 2008, 176 p., Editore Liguori (collana Script)

martedì 28 aprile 2009

Il libro del giorno: Medioevo euro-mediterraneo e Mezzogiorno d'Italia da Giustiniano a Federico II di Giuseppe Galasso (Laterza)

Giuseppe Galasso evoca, nel quadro della grande storia europea e mediterranea, un'epoca cruciale per il Mezzogiorno, dalla divisione dell'Italia in aree longobarde e in aree bizantine alle pressioni e interferenze arabe, pontificie e germaniche fino alla grande storia della monarchia normanna e sveva. In un ampio affresco, la perenne dialettica tra logiche interne e chiusure o aperture, mediazioni o adattamenti all'esterno, iniziative e passività, successi e fallimenti mette in luce la cifra, la specificità e il ruolo storico del Mezzogiorno in quei secoli, e oltre.

casa editrice: www.laterza.it

"Potrebbe sembrare una raccolta di saggi per specialisti il libro che Giuseppe Galasso ha consegnato alle stampe col titolo Medioevo euro-mediterraneo e Mezzogiorno d'Italia da Giustiniano a Federico II (Laterza, Roma -Bari 2009, pp.496, euro 35). E invece è uno dei suoi più intimi, nel senso rigorosissimo che per uno storico significa parlare di intimità: fare i conti con maestri e colleghi, da Benedetto Croce ad Aldo Garosci, con quei "pretesti della memoria" che danno il titolo ad un inedito saggio che è quasi di autobiografia storica, e soprattutto mettere ordine a pagine affidate a riviste disperse e volumi collettanei, ricostruendo così un percorso di ricerca di oltre cinquant'anni. Ne risulta un volume che fa intendere bene la sua idea del mestiere di storico ela sua concezione di Mezzogiorno"

Felice Blasi

tratto da Corriere del Mezzogiorno, Cultura Spettacoli e Tempo Libero, p.12 del 28/04/09