Visualizzazione post con etichetta casa editrice Guanda. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta casa editrice Guanda. Mostra tutti i post

venerdì 25 settembre 2009

SATYRICON. LA SATIRA POLITICA IN ITALIA (Guanda) A cura di Ranieri Polese dall'1 ottobre in libreria

Sul Riformista di oggi è apparso a pag. 19 nella rubrica Culture l'intervento di Luisa Pronzato tratto dall'Almanacco Guanda (uscirà il primo ottobre 2009)che per questo numero ha come titolo "Satyricon". Una riflessione su come il linguaggio al di là di tutte le sue utilizzazioni e strumentalizzazioni possa ancora servire da meccanismo fenomenologico e creativo per la liberazione umana. Che sia critica amara, anche con un risus sardonico, la satira sta scomparendo, perchè scomoda, perchè acida, perchè forse si è persa la capacità di apprezzarne l'utilità a livello di impegno sociale e civile nei confronti delle cose che non vanno e del poetere. Meno male che ci pensa Guanda!
IL LIBRO
Tempi duri per la satira politica in Italia. Comici denunciati, vignettisti sospesi da programmi tv, molti autori satirici non più graditi sui teleschermi. Mai come ora si è avuta l’impressione di un potere unico che non tollera nessuna forma di critica, nemmeno quella che si esprime in disegni o battute. Dall’altra parte, sul fronte dei comici, si è verificata una sorta di scissione: gli irriducibili, da un lato, quelli che hanno finito per diventare simboli di aggregazione politica per un’opposizione che non si riconosce più nei partiti tradizionali (il caso Grillo, poi Sabina Guzzanti); e poi gli altri, quelli che ormai trovano ripetitivo, forse non utile, il rincorrere tutte le gaffe che Berlusconi ogni giorno semina. Proprio Berlusconi, del resto, ha spianato chiunque con i suoi capelli, la bandana, le corna ai summit internazionali, gli scherzi ad Angela Merket, le barzellette imbarazzanti. Ha superato anche la più fervida immaginazione satirica, e — cosa da non sottovalutare — ciò nonostante vanta un gradimento popolare immenso.
Una riflessione su cosa è la satira, su come oggi possa ancora incidere è il tema dell’Almanacco Guanda 2009, che si apre con un testo di Dario Fo, che distingue satira da parodia, la critica dal compiacente sfottò. Corredano il volume le vignette dei principali disegnatori, Altan, Giannelli, Ellekappa, Forattini, Staino, Vincino e altri ancora. Fra i testi ci sono gli interventi di Riccardo Barenghi (Jena), Michele Serra, Alessandro Robecchi; con loro gli scrittori Giuseppe Genna, Gianni Biondillo, Gianiuca Morozzi. Fra i contributi saggistici testi di Oreste del Buono (Linus e il '68), Marco Giusti (il cinema), Cado Alberto Brioschi (fortune e sfortune della storia della satira), Claudio Carabba (la satira com’era).

sabato 27 giugno 2009

Colui che gli dei vogliono distruggere, di Gianluca Morozzi (Guanda). Rec. di Nunzio Festa

Fra gli scrittori originali uno dei più originali. Morozzi, nuovamente, questa volta con “Colui che gli dei vogliono distruggere”, riesce a stupire. A distanza, controllata, con “Blackout”. Altro stupefacente romanzo dell'autore bolognese, che rimane l'opera migliore. Morozzi è stato capace di nuovo d'inventare una serie di personaggi, luoghi, situazioni che sorprendono e allo stesso tempo si lasciano ricordare. Il nuovo romanzo di Gianluca Morozzi è strutturato utilizzando tre diversi piani di ritmo narrativo, si sviluppa addirittura in tre mondi paralleli e perpendicolari quando non intersecanti ed è alimentato da vicende sentimentali tutt'altro che mielose. Dunque diversi stati della storia, anzi della trama, sui quali la storia stessa cresce e matura. Con la brillante trovata di creare persino diverse proiezioni dello stesso personaggio. Il romanzo è fitto di fantasia. Si muove nella fantasia. Ma, chiaramente, non tralascia pecche e buone cose della realtà; soprattutto, va detto, pecche. A seguire i supereroi di Morozzi ci si diverte e, alla fine, non si prova neppure un piccolo grammo di stanchezza. Tante volte, per fortuna, persino si ride.
Molte. Si dica, per necessità, che il volume è pieno d'umorismo. E, in questo campo come nella più semplice costruzione del narrare, Morozzi ha pochissimi rivali. La parte, tra l'altro importante, che parla delle vicende legate a questo musicista Johnny Grey è a dir poco imperdibile.
Lo scrittore con questo libro ha dato prova, se ce ne fosse ancora bisogno, di essere uno dei migliori narratori italiani d'oggi. Al di là dei giudizi sommari e/o complessivi, è semplice testimoniare grazie alla lettura come il filo steso da Gianluca Morozzi faccia camminare immagini e musiche, odori. E, soprattutto, provochi sensazioni varie. Causando nel sentire di lettrice o lettore, e mentre il filo si fortifica invece di farsi male, reazioni che a ogni modo fanno piacere. Morozzi è scrittore popolare e d'indubbio talento, nonostante la critica più con la puzzetta sotto il nasone non sia sempre disposta ad accettarlo. Per questa ragione è già da tempo cominciata l'attesa per la creatura che arriverà.


Colui che gli dei vogliono distruggere, di Gianluca Morozzi, Guanda (Parma, 2009), pag. 334, euro 16,50.

Donate