Visualizzazione post con etichetta Miles Davis. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Miles Davis. Mostra tutti i post

giovedì 7 maggio 2009

Il libro del giorno: 1969: storia di un favoloso anno rock. A cura di Riccardo Bertoncelli (Giunti)

Nella seconda metà degli anni '60 il rock prese forme originali e inaudite, uscendo dallo stretto ambito di musica leggera per farsi calamita dei tempi, sintesi potente di novità e modernità. Il 1969 fu l'anno culmine di questa mutazione sociale e culturale, con storie, dischi, concerti, festival che ancora restano a distanza di tanto tempo nell'immaginario collettivo. Vita e morte, inizio e fine, gioia e orrore, in un vertiginoso flusso di energia: l'estate di Woodstock e l'autunno cupo di Altamont, l'ultimo anno dei Beatles e la rinascita di Dylan, l'esplosione di Santana, lo scioglimento della Jimi Hendrix Experience, l'avvento di Crosby, Stills, Nash & Young, la morte di Brian Jones, la crisi dei Doors, l'anno in cui Miles Davis registra Bitches Brew e nei negozi escono Abbey Road, Let It Bleed, Ummagumma, In the Court of the Crimson King, Nashville Skyline, il primo Led Zeppelin. In quasi 300 illustratissime pagine la cronologia dettagliata dell'anno, le storie più importanti, i festival memorabili, i dischi che hanno cambiato il rock.

casa editrice Giunti: http://www.giunti.it/


" Nel 40° anniversario, il meglio della musica e di quanto avvenne. Con ricche illustrazioni"

Ilaria Bellantoni

da Max, maggio 2009, p.56

1969: storia di un favoloso anno rock. A cura di Riccardo Bertoncelli, Giunti, pp. 288

Donate