Visualizzazione post con etichetta Maria De Filippi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Maria De Filippi. Mostra tutti i post

giovedì 8 dicembre 2011

Maria De Filippi, di Emanuele Kraushaar con prefazione di Giulia Belloni (Alet). Intervento di Nunzio Festa
























Forse due riconoscimenti nella stessa recensione, più quello all'autore del testo recensito, sono troppi; ma per dire del recente e davvero imperdibile – scusatemi qui la banalità (oggi eccezione che conferma la regola) - “Maria de Filippi” di Emanuele Kraushaar ci concediamo l'ulteriore lusso. Dunque un plauso a Giulia Belloni, che oltre ad aver inventato la collana Iconoclasti e scelto  in qualità di direttrice della stessa questo testo raro, ha definito giustamente il libro “oggetto non identificato”. E mai parole, come si suol dire, furono più adatte. Perché non solamente non riusciamo a dirne il genere, per questa sconvolgente pubblicazione. Ma di più perché, e arriviamo in un certo qual modo al secondo riconoscimento, la natura del testo per affinità ci conduce a un altro abbastanza recente e superbo testo: “Cartoline dai morti” di Franco Arminio. Epperò già occorre spiegare. In quanto Arminio parla, dando loro voce, dei paesi e dei suoi morti-viventi. Mentre Kraushaar parla dei viventi-morti del paese/televisione, ovvero del pubblico succube per esempio dell'Uomini e Donne di Maria de Filippi e succube soprattutto del 'personaggio' “Maria de Filippi”. Kraushaar e Arminio inoltre si somigliano per accenti e prossimità di scelte. Dove l'affinità sta nella differenza. Cioè Arminio fa parlare i suoi morti alla stregua di Kraushaar che fa parlare vivi ugualmente defunti. Grazie a quest'operazione, in pratica registrando situazioni del programma che fa ascolti su ascolti e soprattutto le vite di chi esiste in ragione di questo, il giovane autore romano scrive un libro che apparentemente con poco ci dice tutto del fenomeno “Maria de Filippi”. Che davvero il libro d'esordio dello scrittore Kraushaar studia con occhi nuovi e linguaggio scioccante una delle cause di demenza del cosiddetto italiano-medio. Destini e in special modo disperazioni che mettono sulla porta o immettono oltre la porta della celebrità e delle sue menzogne, essenzialmente soggetti privi di socialità. I paragrafi sono molto brevi. Colpiscono al pari di bruciature di sigarette. Però il loro calore lo ascolti. Sei in grado di vedere i motivi e i linguaggi delle disperazioni. Emanuele Kraushaar fa sentire “la De Filippi” come nessun giornale mai riuscirà. La analizza senza torcerle un capello. Girandole intorno e osservandola seduta di fronte alle sue invenzioni in carne e ossa.