Visualizzazione post con etichetta La notte dei morti viventi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta La notte dei morti viventi. Mostra tutti i post

lunedì 16 maggio 2011

Il libro del giorno: L'ALBA DEGLI ZOMBIE. Voci dell'Apocalisse: il Cinema di George Romero (Gargoyles Book's)














Quando all'Inferno non ci sarà più posto, i morti cammineranno sulla Terra (George A. Romero)
«Una delle cose che ho sempre pensato di comunicare attraverso questi film è che "loro", gli zombie, non sono altro che "noi stessi". Loro erano come noi e ora, forse, sono solamente una nostra variante». Così George Romero a proposito degli zombie, protagonisti della sua possente - seppure dagli esiti artistici diseguali - Dead Saga (La notte dei morti viventi, 1968; Zombi, 1978; Il giorno degli zombi, 1985; La terra dei morti viventi, 2005; Le cronache dei morti viventi, 2007; L'isola dei sopravvissuti, 2009). Gli zombie romeriani rinvengono copiosamente nella routine contemporanea, non siamo più Altro da loro, bensì zombie noi stessi: resi gretti e cattivi da una Storia che ci presenta quotidianamente un conto sempre più elevato, finiamo per riprodurre l'Inferno sulla Terra, aderendo a un putrescente conformismo fatto di razzismi, disuguaglianze e crescenti emarginazioni. È su tale tesi che prende avvio il saggio L'alba degli zombie firmato dallo scrittore Danilo Arona, dall'esperta di cinema e fiction seriale Selene Pascarella e dal giornalista Giuliano Santoro, i quali, partendo dalla filmografia di George Romero - sorta di canone dello zombie postindustriale - si interrogano sulla longevità del morto vivente, dalla tradizione voodoo del XVII secolo alla prima decade del Terzo millennio, saggiandone la capacità di raccontare il nostro mondo e di incarnarne le paure più profonde. Il testo, arricchito da un'intervista inedita al regista newyorkese del critico Paolo Zelati, è strutturato in tre interventi autonomi, frutto di impostazioni diverse ma felicemente complementari, montaggio di spunti compositi e suggestioni plurime, che agevolano le riflessioni e le ispirazioni più varie attorno al fenomeno zombie non solo nell'appassionato ma anche nel neofita. Il contributo di Arona è un amacord, una scorribanda sentimentale che entra nel merito della Dead Saga con prezioso rigore storico-filologico, evidenziando il potere presago del cinema romeriano con la sua inesauribile carica allegorica ed eleggendolo a chiave d'accesso per esaminare la figura dello zombie; quello di Santoro privilegia, invece, un'angolazione filosofico-politica che semina fecondi parallelismi con l'attualità (particolarmente incisivo il paragone morto vivente/migrante: quest'ultimo, proprio come uno zombie, si aggira nelle nostre città sperduto, barcollante, affamato e scansato da tutti; scongiurato il minimo contatto, viene ostacolata, così, qualsiasi possibilità di confronto e accettazione): la genesi del contagio zombie diventa inconsueta ma efficacissima lente d'indagine per spiegare l'odierna crisi dell'Occidente e l'inarrestabile declino delle sue "unità di misura", quali la solidarietà, il lavoro, la funzione educativa della cultura; il testo di Pascarella, infine, si sofferma sui come e i perché gli zombie abbiano attecchito l'immaginario culturale odierno in maniera tanto massiccia - dal cinema ai fumetti, dalla fiction seriale televisiva e on line ai videogiochi, dalla poesia alla narrativa comica e alla chick-lit fino alla ricerca scientifica (dalla matematica pura alla genetica e alla biologia). L'alba degli zombie costituisce, quindi, un lavoro spiccatamente innovativo nell'ambito editoriale nostrano, in linea con tradizione di ricerca dei cultural studies nordamericani, che, anzi, annoverano l'argomento tra i loro corsi universitari già da tempo con saggi potentissimi - vere e proprie stilettate al sistema politico e socio-economio occidentale (pensiamo solo a Zombie economics: How Dead Ideas Still Walk among Us dell'australiano John Quiggin, tra i testi economici più acclamati del 2010, o ad American Zombie Gothic: The Rise and Fall (and Rise) of the Walking Dead in Popular Culture di Kyle William Bishop, che vede gli zombie come figure fortemente evocative delle atrocità del colonialismo e della schiavitù nel Nuovo Mondo).
GLI AUTORI
Danilo Arona (Alessandria, 1950) è giornalista, scrittore e critico cinematografico. Dal 1978 a oggi ha firmato oltre venti titoli tra saggi di cinema, inchieste sul lato oscuro del sociale e romanzi horror. Nella sua produzione più recente spiccano: L'ombra del dio alato, La stazione del dio del suono, Palo Mayombe, Cronache di Bassavilla, Black magic woman, Finis terrae, Melissa Parker e l'incendio perfetto, Santanta, Pazuzu, L'estate di Montebuio (Gargoyle 2009). Il suo sito web è www.daniloarona.com
Selene Pascarella (Taranto 1977), laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul cinema italiano dell'orrore e del fantastico, è giornalista dal 2005. Collabora con il settimanale Carta, per il quale cura una rubrica dedicata alla fiction seriale televisiva. Suoi scritti sono usciti nell'Annuario di Poesia curato da Giorgio Manacorda (Castelvecchi, 2001), ha pubblicato il racconto Mondovisione all'interno della raccolta Tutto il nero del Piemonte (Noubs, 2007) curata da Danilo Arona.
Giuliano Santoro (Alatri 1976), giornalista, fa parte della redazione del settimanale Carta dove si occupa di politica e società. Suoi articoli sono stati pubblicati su Il manifesto, Il Messaggero, Il Quotidiano della Calabria, Il Ponte, Posse. Suoi contributi sono apparsi in Mercenari: il business della guerra a cura di M. Bulgarelli e U. Zona (Nda Press, 2004) e nell'antologia Stranieri! (Manni, 2004).

L'ALBA DEGLI ZOMBIE. Voci dell'Apocalisse: il Cinema di George Romero di Danilo Arona, Selene Pascarella, Giuliano Santoro. Con un'intervista esclusiva a George Romero di Paolo Zelati (Gargoyles Book’s)

Donate