Motori ricerca: il tuo sito in prima pagina su Google

Visualizzazione post con etichetta Giovanna Frene. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Giovanna Frene. Mostra tutti i post

lunedì 9 gennaio 2012

Il noto, il nuovo. Appunti postumi sulla natura del potere e della storia, di Giovanna Frene, prefazione di Paolo Zublena, postfazione di Silvia de March, con testo inglese a fronte, traduzione di Joel Calahan e Jennifer Scappettone, con cd audio dei Poems, (Transeuropa). Intervento di Nunzio Festa






















I versi di Giovanna Frene, proposti in "Il noto, il nuovo", già pubblicati in lingua inglese negli States, sono una disquisizione sulla natura del mondo e quindi del potere, della Storia che abbiamo e che faremo. Forse per questa ragione, tra l'altro, le musiche dei Poems allegate alla silloge a tratti  danno spazi a più quotidiane incombenze. Frene, insomma, s'affida un compito difficilissimo. Che comunque compie; davvero facendosi dire appunto come e quanto Giovanna Frene sia da considerare, e non ce ne vogliano i puristi, poetessa civile. Depositato fra una molte infinita di citazioni, il verso di Frene usa un'allegoria per certi versi atipica, una forma d'isolamento dalla realtà dopo aver osservato la realtà: per evocare senza avocare ad alcun compito proprio. Ma proponendo una lettura e poi una rilettura della cose del passato, vedi le riproposizioni del male nazista, che devono sconfiggere quella trappola mortale che è la nuova specie d'indifferenza oliata da questa e dalla precedente società. Tra i nazisti, allora, e Giovanni dalle Bande Nere. Fra nettezza, tono schietto e diretto, eppur salato di musicalità e commozioni, quindi fra fendenti e dialoghi, e aperture che si rinnovano nei componimenti maggiormente 'discorsivi'. Giovanna Frene interroga la violenza stessa, dunque, e chi la pratica. Chi la praticherà ancora. Mentre il comodo dove viviamo non ci consente d'opporci, spesso. Un piccino saggio di questa compostezza e rigida, intellettuale dominazione del dubbio, dice: "l'ordine delle forze, l'idea inevasa del bene, invisibile, è sotto / gli occhi di tutti. raggiunge il suo scopo, il banchetto integro: // il corpo è sacro, saturo, è fatto di intenzioni; / il cibo è un potere diverso, ma sempre-cibo nel sempre banchetto." (...). I riferimenti sono tanti. Eppur potremmo citarne solamente uno, su tutti, Andrea Zanzotto. Non a caso è Zanzotto il poeta salutato in chiusura d'opera. Il dissidio principale che Frene rimette sotto i nostri occhi annacquati a volte dall'impotenza, è fra diritto e obbligo di far il bene, cioè mettersi di traverso all'avanzata del "motore della storia" (la violenza che opprime i popoli) e il significato stesso delle nostre azioni. Il motivo dominante de Il noto, il nuovo, come ci rammenta d'altronde il titolo scelto per la petité raccolta poetica, è il sentimento d'ineluttibilità del male - assoluto - che ci fa dannare. Molte volte, però, senza darci dannazioni. Con la poesia di Giovanna Frene qualcosa invece s'accende. Sapendo del noto. Applicandoci al nuovo.  

Matera. Una guida di Gianpiero Bruno e Marcello Bruno

     Lo sguardo di due insider, una guida contemporanea al meglio di Matera tra passeggiate lente, musei, Sassi, chiese rupestri, il Novece...