Visualizzazione post con etichetta Farias. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Farias. Mostra tutti i post

lunedì 20 aprile 2009

Matteo Becucci vince X Factor. Grandi anche i The Bastard Sons of Dioniso








X Factor, su Rai 2, e poi l’ultima puntata su Rai 1, in tutti questi mesi ha rappresentato un vero e proprio punto di riferimento per la categoria dell’esordio, ovvero ha messo in evidenza come la buona musica, la professionalità dai giurati ai vocal coach, il lavoro serio fatto di grandi ascese e brucianti cadute per tutti quelli che vi hanno partecipato, da Noemi ai Farias, sono gli elementi indispensabili per chi vuole fare della musica non solo uno stile di vita, che comunque rientra a torto o ragione nelle logiche del mercato dello spettacolo, ma anche una dimensione ontologica dell’essere per la musica ( mi si passi la cialtroneria heideggeriana). Al di là di tutte le polemiche sul televoto, mi sembra che l’epilogo abbia rispettato in tutto e per tutto gli artisti della finalissima: Matteo Becucci, il cantante della squadra di Morgan che ha sconfitto, per soli sedici voti, uno scarto millimetrico, i tre ragazzi trentini capitanati da Mara Maionchi, i grandi The Bastard Sons of Dioniso. Terzo classificato è stato Juri, della squadra di Simona Ventura, al quale Renato Zero ha esteso i più vivi apprezzamenti sia per l’originalità testuale del giovane cantante, sia per la singolarità della metrica. Dopo 14 puntate “X Factor”, il talent show di Raidue, dunque dà il suo responso: il trentottenne livornese Matteo Beccucci è il vincitore della seconda edizione di X-Factor. Al di là della dotazione anagrafica del Becucci (finalmente non conta essere assolutamente pop, fighi, e giovani), il cantante ha dalla sua dolcezza e mitezza nell’aspetto, e un forte background vocale limpido, deciso a tratti tonante. Forse un’antieroe del mondo delle pop star. Che dire dei The Bastard Sons of Dioniso. Pulp, pure troppo, punk rock in corpore, grinta nelle spinte corali, un mix di filosofia e antropologia musicale che unisce Friedrich Wilhelm Nietzsche per l’apollineo e il dionisiaco e uno slancio acidulo nei testi alla William Burroughs. Insomma una finalissima così non poteva che avere in assoluto l’x factor!

Donate