Visualizzazione post con etichetta Claudia Rossi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Claudia Rossi. Mostra tutti i post

sabato 12 settembre 2009

Sesso, scarpe e pesciolini di Fabio Brigazzi (EdizioniAnordest)

La scoperta del sesso vero, trasgressivo e senza limiti di una cinquantenne in carriera, con sulle spalle un rapporto ormai stanco, grigio e prevedibile con il proprio coniuge. Una donna all’apparenza spenta e senza più pulsioni sessuali che troverà invece , spinta anche dalla curiosità femminile, la forza e il coraggio di affrontare prove erotiche sempre più ardite e imprevedibili. Sarà il suo Pigmalione, che il destino le metterà sulla strada, a forgiarla e farla così divenire frutto della propria immagine e creatività, fino a superare addirittura il suo maestro e mentore , anche grazie alla sua nuova intraprendenza e femminilità. Un libro dove il sesso è protagonista inteso come un gioco ma non più come un “affaire” lercio ed immorale. Senza tabù, regole e restrizioni e praticato per il proprio piacere e di chi le sta accanto, a chi gusterà come frutto proibito le pagine di quest’opera verrà presentato un percorso difficile, che forse non tutti condivideranno, ma che porterà la protagonista a tirar fuori le sue fantasie erotiche e andare oltre i limiti imposti dalla morale e dalla sua rigida educazione. Marina proverà e “sentirà” quello che mai e poi mai, avrebbe lontanamente immaginato… E che il lettore non si lasci trarre in inganno dall’età della protagonista, perchè nel libro troverà anche le sue voglie e fantasie... Scrive Tinto Brass nella prefazione al volume: “Ciò che mi ha maggiormente -e positivamente- incuriosito in “Sesso, scarpe e pesciolini”, è l’età della protagonista: cinquant’anni. Un’età che, salvo il caso di diari autobiografici, è più che canonica per l’eroina di un romanzo erotico, con il rischio di relegarla automaticamente se non fuori tempo massimo, almeno borderline, ai confini della menopausa, fra le donne che, anche se ancora belle e desiderabili, l’industria culturale impietosamente bolla, per dirla con il brutale pragmatismo dei tycoon americani, come “no more fuckable!”. E invece Marina è “still very fuckable!”. E il romanzo non è affatto un diario autobiografico! Ancorché la protagonista si racconti in prima persona, è in realtà la penna di Fabio Brigazzi, il grimaldello espressivo con cui scassinare lo scrigno della libido più intima, il passepartout psicologico per penetrare nel caveau dei desideri più segreti e vergognosi, il deragliatore ideologico grazie al quale smascherare gli eterni inganni che i corifei della Dignità e del Sentimento, ci hanno per troppo tempo e con troppe bugie propinato. La penna di un autore schierato decisamente con la cultura più avvertita e moderna, quella per intenderci che riconosce valenze estetiche non solo all’erotismo ma anche alla pornografia definisce le donne come Marina, in preda a le demon du midi”. Invece fuori dalle pagine dei libri a Johannesburg, in Sudafrica, dal 1 al 4 ottobre 2009 , per gli “amanti del genere” si aprirà Sexpo al Gallagher Centre per serate un po’ speciali dove ci saranno sia divertimenti xxx che quelli meno hard dallo strip poker alla lap dance: madrina d’eccezione la pornostar Claudia Rossi.

Donate