Visualizzazione post con etichetta Calabria Ora. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Calabria Ora. Mostra tutti i post

mercoledì 21 gennaio 2009

Toghe Rosso Sangue. Segnalazione a cura di Nunzio Festa

Agostino Pianta, ucciso da un detenuto, Pietro Scaglione ucciso dalla mafia, Francesco Ferlaino, ucciso dalla ‘Ndrangheta, Francesco Coco ucciso dalle Brigate Rosse, Vittorio Occorsio ucciso da Ordine Nuovo, Riccardo Palma ucciso dalle Brigate Rosse, Girolamo Tartaglione, ucciso dalle Brigate Rosse, Fedele Calvosa ucciso dalle Unità combattenti comuniste, Emilio Alessandrini ucciso da Prima Linea, Cesare Terranova ucciso dalla mafia
Nicola Giacumbi ucciso dalla colonna “Pelli”, Girolamo Minervini ucciso dalle Brigate Rosse
Guido Galli ucciso da Prima Linea, Mario Amato ucciso dai Nar, Gaetano Costa ucciso dalla mafia, Gian Giacomo Ciaccio Montalto ucciso dalla mafia, Bruno Caccia ucciso dalla mafia,
Rocco Chinnici ucciso dalla mafia, Alberto Giacomelli ucciso dalla mafia, Antonino Saetta ucciso dalla mafia, Rosario Angelo Livatino ucciso dalla mafia, Antonio Scopelliti ucciso dalla ‘Ndrangheta e dalla mafia, Giovanni Falcone e Francesca Morvillo uccisi dalla mafia, Paolo Borsellino ucciso dalla mafia, Luigi Daga ucciso da terroristi islamici. Sono venticinque i magistrati uccisi dalla criminalità tra il 1969 e il 1995. “Toghe rosso sangue. La vita e la morte dei magistrati italiani assassinati nel nome della giustizia”, che da domani 22 gennaio sarà in libreria, è un atto civile utile a ricordare quelle vite umane messe nel macero della storia. Il volume del giornalista Paride Leporace, fra le cose più importanti, ricostruisce la carriera professionale dei giudici assassinati in Italia, spiega il contesto in cui maturò il loro omicidio, raccoglie tante testimonianze fino a quelle dei carnefici. Le pagine sono pensate per salvare dall'oblio coloro che diedero la vita per l'esercizio della giustizia. Leporace, direttore del “Quotidiano della Basilicata”, già fondatore di “Calabria Ora”, autore di innumerevoli reportage ad alcuni dei più eclatanti casi di cronaca nera italiana, da alle stampe il suo primo volume per la Newton & Compton, collana Contromano. Un testo civile. Dove con la scrittura dei fatti Paride Leporace entra nelle vicende di coloro che furono eliminati in quanto colpevoli di servire lo Stato. “Venticinque vite umane sacrificate sull’altare di oscuri disegni eversivi e colpite senza pietà, vittime cancellate dalla memoria collettiva. Così, per molti magistrati caduti nell’esercizio delle loro funzioni, si è assistito a un deprecabile processo di rimozione del loro impegno – oltre che della loro vita – dalla faticosa storia della Repubblica italiana”. Da Agostino Pianta a Falcone, per tratteggiare le figure “la figura dei magistrati italiani uccisi da mafiosi, criminali comuni e terroristi”.