Visualizzazione post con etichetta Alessandro Meluzzi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Alessandro Meluzzi. Mostra tutti i post

domenica 21 agosto 2011

Il libro del giorno: Ho seguito il mio maestro di Alessandro Meluzzi (Piemme)












C’è qualcosa di profetico nella difficile arte dell’educare. Il profeta non è un veggente, e tuttavia sa intravedere: prevede perché prepara. Il profeta è colui che parla in nome di qualcuno, che è Dio, a qualcun altro che cerca la liberazione. E in questa accezione la figura dell’educatore e la figura del profeta sono in un certo senso affini. Entrambi conducono fuori da una forma di schiavitù verso una maggiore e matura, quindi libera, consapevolezza di sé. Oggi la vocazione dell’educatore si scontra con la destrutturazione del mondo che rende caotiche e confuse le scelte di chi vuole seguire comunque ogni sua inclinazione momentanea. L’educatore spesso svolge compiti che prima erano affidati alla famiglia, assumendo un aspetto genitoriale. Stiamo diventando tutti genitori gli uni degli altri, padri e madri di noi stessi e dell’altro al di là dei legami tradizionali. La qualità profetica dell’educazione è misteriosa ma va rivelata. La profezia educativa oggi appare come l’impellente necessità di un evento creativo dell’Assoluto e del Divino incarnato in Gesù, unico vero Maestro dell’umano e del suo senso ultimo oltre che presente.