venerdì 29 marzo 2019

L'Islanda altro che paese felice! Intervento di Stefano Donno

















L’Islanda che a quanto pare è il paese con il più alto tasso di felicità ( e lo dice il World Happiness Report dell’Onu) pare che quasi alla vigilia delle elezioni del 14 aprile stia per cedere al lato oscuro della forza populista proprio come è successo in Italia qualche anno fa con il Movimento 5 Stelle. Ma a differenza di quest’ultimo il M7S si nutre di nuances anti immigrazione, solide convinzioni populiste e sovraniste, fondamentalista quasi nel suo essere Anti Ue. Insomma un mix che non lascia sperare sulle sorti umorali della popolazione islandese, che potrebbe soffrire in caso di vittoria dell’M7S di forti depressioni ed emicranie da stress. Basta guardare i candidati come Ilja Janitskin o Pirjo Turpeinen Saari e cosa dicono pubblicamente sui media con toni e modi non certo rassicuranti.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2