mercoledì 31 ottobre 2018

L’isola sulla terra di Edoardo Micati (I Libri di Icaro)























L’Isola in Terra è un’isola che non vede il mare che pure gli è vicino. L’autore l’ha pensata per quarant’anni girando per la Puglia e la Basilicata come agente di commercio. Qui ha fatto nascere Scarfagnano, una cittadina costruita prendendo dai suoi ricordi i piccoli paesi, vie intere o una singola casa, una piazza, un castello, bar, osteria, chiesa, ecc. ecc. , insomma parti di territorio legate a fatti e avvenimenti, e l’ha popolata con tutte le persone care conosciute, pure quelle meno simpatiche, gli amici con i quali spesso ci scappava la partita a scopa o a tressette, seduti attorno a un traballante tavolino del caffè del paese. Spesso, le partite s’interrompevano nel momento in cui il barbiere, il salumiere, il farmacista, o il solito nullafacente, sempre disponibile, attaccava a contare li cunti. Storie piccanti, sarcastiche, di spasso nel caso dei guai capitati al bello del paese, di sdegno per l’assassinio d’un certo Pantaleo, divertenti per le disavventure capitate al podestà ed ai suoi avanguardisti, misteriose come quella della Luna di Maometto ecc. ecc. E ogni storia finiva con la solita frase: …. e t’aggiu cuntatu lu cuntu.
Tutte le volte che ne ascoltava una nuova, mentre era solo nell’auto pensava: quando smetterò con questo lavoro scriverò un libro…
Leggiamo di vicende che si snocciolano dal 1933 fino a giungere ai giorni nostri. Il fascismo, la caduta del regime, gli anni del benessere e della democrazia, tenuti insieme da una scrittura dialogativa che tesse trame e sempre si volge al finale “curioso”, ironico.
Info link

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2