mercoledì 9 novembre 2011

Per chi suona la campanella. Un anno di scuola visto da un prof di Ermanno Scrip Ferretti (Fazi editore)























"Per chi suona la campanella" (Fazi Editore, 2011) è un trattato di filosofia in pillole ad uso quotidiano frutto dell’ingegno di un professore di storia e filosofia precario di liceo. L’autore, Ermanno Ferretti, si è fatto conoscere sul social network Twitter con il nome SCRIP raccontando in 140 caratteri la sua vita di insegnante, dalle disavventure del precariato agli strafalcioni degli studenti, dai problemi reali della scuola a spunti per una nuova didattica.  Abbiamo parlato con Ermanno Ferretti del libro uscito lo scorso 4 novembre nelle librerie.
Innanzitutto, come descriveresti questo libro?
E’ un libro che parla della scuola italiana raccontata da un professore di storia e filosofia e cerca di farlo in tono scanzonato, scherzoso. Non è insomma un saggio, anzi è forse quanto di più lontano possibile ci sia da un saggio sulla scuola. È quasi un racconto in cui emergono soprattutto gli aspetti comici e oserei dire grotteschi del nostro sistema scolastico, dei giovani d'oggi e, perché no?, anche dei trentenni precari.
Ma se non è un saggio, cos'è?
Non è facile definirlo. Al di là del tema è particolare anche la forma in cui il libro è scritto: si tratta infatti non di una normale narrazione in prosa ma di una serie di frasi di una o due righe, apparentemente slegate tra loro ma che alla fine formano un quadro unitario, come degli aforismi e degli sketch in cui alcuni dei personaggi ritornano ma in cui c'è spazio anche per la battuta secca o per intermezzi composti da pensieri più seri.
Da dove nasce la scelta di questa forma così "epigrammatica"?
Nasce da Twitter. Il libro, infatti, è una raccolta di tweet che ho "postato" in quel social network negli ultimi anni, rivisti, riordinati e corretti.
Spiegati meglio, perché magari non tutti conoscono Twitter: Cos'è un tweet?
Twitter è un social network con una caratteristica molto particolare e dalla quale non si sgarra: gli aggiornamenti di stato, appunto chiamati "tweet", non possono essere più lunghi di 140 caratteri. Quando scrivi su Twitter, quindi, sei obbligato a scrivere degli epigrammi, perché devi riuscire a far stare una battuta, un pensiero, il racconto di un fatto in 140 caratteri. Certe volte questo implica un lavoro di sintesi notevole.
In copertina campeggia una frase “Se il mondo deve proprio finire come dicono i Maya, spero almeno che sia prima di un Collegio Docenti” , anche questa è un “tweet”?
Sì, con gli editor della Fazi abbiamo scelto di metterla in copertina perché era una delle più carine e dava un'idea chiara sia del tono del libro, sia dell'argomento.
E cioè un professore che non ama i Collegi Docenti...
Sì, ma non solo. L'idea che volevamo trasmettere è anche quella di un modo di intendere la scuola più alla mano, più moderno, più leggero senza per questo essere meno rigoroso. So che sembra un controsenso, ma sono convinto che per essere buoni insegnanti, per riuscire cioè a far crescere culturalmente e umanamente i nostri allievi, si dovrebbe essere il più possibile agli antipodi della vecchia professoressa acida, distaccata, fredda e un po' carogna che ancora oggi popola l'immaginario degli studenti.
Il contrario di quanto sembra aver sostenuto in questi anni il ministro Gelmini...
Direi di sì: il ministro ha più volte parlato di rigore, di serietà, di inflessibilità che bisogna far rientrare nella scuola, salvo poi veder fallire la sua politica davanti ai dati che parlano di diminuzione di bocciati e quindi di una scuola più permissiva. Il problema è che quella del ministro è solo una formuletta pensata per i suoi elettori: la vera sfida, invece, è dimostrare che si può essere contemporaneamente rigorosi e comprensivi, seri e divertiti, inflessibili e giusti. Questi temi, tra una battuta, una gaffe degli studenti e un commento semiserio sul senso della vita, in "Per chi suona la campanella" tornano più volte.
Ritorniamo a Twitter e alla genesi del libro. Come hai fatto a passare da un social network alle librerie?
Il passaggio è stato meno veloce di quanto si possa pensare. Mi sono iscritto a Twitter nel 2008 e all'inzio ho cominciato ad usarlo per pura curiosità. A quel tempo la "twittersfera" era ancora piuttosto ristretta e da parte mia passai i primi mesi a familiarizzare col mezzo, a cercare di capire cosa volevo scrivere in quei 140 caratteri. Ad un certo punto ho scoperto che mi trovavo bene a parlare di due tipi di cose: ciò che mi faceva ridere e ciò che m'indignava. E, anzi, provai a metterle insieme, cercando di parlare di ciò che m'indignava tramite battute.
E come sei arrivato a parlare di scuola?
Lavorando come insegnante e insegnando in particolare filosofia, una materia che dà luogo a clamorosi equivoci ed errori negli studenti, era normale che molte delle cose che mi facevano ridere riguardassero la scuola. Le prime cose sono state gli strafalcioni degli studenti; poi si sono aggiunti i loro commenti sarcastici su questo o quel filosofo, poi i miei sugli studenti, poi è arrivata la Gelmini che ha dato a tutti fin troppe occasioni per fare battute. Insomma, i tweet hanno cominciato a fioccare.
E il libro?
Già nel 2009 alcuni dei miei follower, cioè persone che mi seguono su Twitter, mi chiesero di raccogliere questi tweet in un file. Dal file si passò presto a un libretto autoprodotto che ebbe un certo successo nell'ambiente; infine, da lì è arrivato un agente letterario, che mi ha aiutato a strutturare meglio il libro e renderlo editorialmente più appetibile, e infine i tipi della Fazi.
Ci lasci con tre frasi che ti sembra possano descrivere meglio il libro?
Certo. La prima: «Nel 1650 Cartesio arriva in Svezia ma si prende la polmonite e muore». «Che sfigato!». «E non avete ancora sentito la sua filosofia». La seconda: «Prof, che scuole ha fatto?». «Liceo scientifico e poi laurea in storia». «Non poteva fare altro?». «Tipo?». «Un mestiere che desse soldi?». La terza: «Amleto decide di vendicarsi quando scopre che il padre, il re, è stato ucciso dal di lui fratello». «Ma, prof, è copiato da Il Re leone!».

Ermanno SCRIP Ferretti, Per chi suona la campanella. Un anno di scuola visto da un prof

Fuori collana
pp. 112 – euro 10,00

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2